Abitudini del sonno e suscettibilità al raffreddore comune.


Ricerca interessante che porta sempre al solito concetto: LA QUALITA’ DEL SONNO che deriva da una scarsa consapevolezza e da una povertà di informazioni scientifico-commerciali.

La qualità del sonno si raggiunge con la personalizzazione, caratteristica mancante nel mercato comune e su questo abbiamo scritto esperienze professionali importanti.

Si ritiene che la qualità del sonno sia un importante fattore predittivo di immunità e, a sua volta, suscettibilità al raffreddore comune. Questo articolo esamina se la durata e l’efficienza del sonno nelle settimane precedenti l’esposizione virale sono associate alla suscettibilità al freddo.

Da una pubblicazione del gennaio 2009 del Dipartimento di Psicologia, Carnegie Mellon University, Pittsburgh, PA 15213, USA

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19139325/

La conclusione è che:

“Una scarsa efficienza del sonno e una durata del sonno più breve nelle settimane precedenti l’esposizione a un rinovirus erano associate a una minore resistenza alle malattie.”