Non sappiamo nemmeno dormire : così si faceva in passato. – Medicina a piccole dosi


Ripensiamo il sonno, pensiamo a imPrendiSonno.

L’evoluzione dell’uomo ha creato nuove abitudini e nuovi stili di vita che non aiutano o non riflettono le reali necessità del corpo per come è stato progettato. Anzi, lo stressano o lo disturbano.

Ogni organismo umano ha il suo gran da fare per mantenere in equilibrio la nostra macchina “corpo” facendo i conti con varie interferenze che ostacolano il suo normale funzionamento. Un buon equilibrio, costante nel tempo, mantiene in buono stato di salute. Infatti si dice giustamente che la malattia è uno stato di “squilibrio”.

Non sappiamo più dormire perché abbiamo perso informazioni e abitudini. “Il sonno è stato ignorato nella formazione medica” dice l’articolo e questo concetto lo ribadisce anche il neuroscienziato Matthew Walker nell’articolo “Il sonno ci salverà”.

“Non sappiamo nemmeno dormire” ma soprattutto non sappiamo creare l’ambiente corretto dove dormire! Ripeto, nel tempo abbiamo perso molte informazioni e molte abitudini provenienti dalla sana e storica convivenza con la natura. Natura di cui facciamo parte integrante e con essa in armonia e in equilibrio.

In nome del progresso e dell’evoluzione viviamo in ambienti poco salubri, inquinati da onde elettromagnetiche che disturbano l’organismo, campi elettrostatici che creano tensioni, sostanze chimiche volatili che inaliamo, con la pelle a contatto di materiali spesso sintetici, che provocano nel tempo irritazioni, con letti e materassi standard spesso non idonei a contenere, a sostenere e a mantenere una postura corretta, unica per ciascun individuo.

Un insieme di elementi che anziché aiutare a recuperare l’energia, la sopprimono o non la reintegrano e nel tempo sono fonte di disturbi di varia natura. Non ce ne accorgiamo, ma siamo inconsciamente bravi ad adattarci. Ne parliamo spesso nelle conferenze e nei nostri incontri.

Screenshot_2018-12-19-_58434887_jan_saenredam-jpg-immagine-JPEG-304-C397-420-pixel

Anche questo è da riscrivere. Non sappiamo dormire, vediamo perchè.   Quando pensiamo al dormire, ci immaginiamo una lunga nottata di sonno senza interruzioni. Una lunga giornata di lavoro, le macchine la confusione la gente, e non vediamo l’ora di crollare 10 ore nel letto. E non puoi nemmeno farlo, perchè il giorno dopo si […]

Sorgente: Non sappiamo nemmeno dormire : così si faceva in passato. – Medicina a piccole dosi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.