Il Cynar non basta più…


Dal logorìo, allo stress cronico e all’ansia.

Negli anni 70-80 Ernesto Calindri era il protagonista dello spot televisivo “Cynar, l’amaro contro il logorìo della vita moderna”. Una pubblicità fatta per promuovere e stimolare il consumo del prodotto, ma soprattutto per creare un rito e un momento di stacco dai ritmi determinati dall’uomo.

Non ci vuole molto a fare un confronto tra ieri e oggi. L’uomo continua a progettare, inventare, evolvere ma ne subisce le conseguenze. Nel tempo ci siamo circondati di oggetti e comodità che dovrebbero aiutarci a vivere meglio e che, in realtà, ci condizionano e si stanno impossessando della nostra vita e del nostro tempo.

Abbiamo ridotto i momenti di scambio e di interazione tra gli esseri umani, rapportandoci sempre più con  telefoni e computer, elettrodomestici e servizi vari. Le informazioni e le comunicazioni corrono veloci, sono istantanee. E’ diventata istantanea anche la polenta che da un pò di anni si fa in pochi minuti e non  mescolando e rimescolando  nello storico paiolo. Il mercato ci rende disponibile e in pronta consegna tutto quello di cui “abbiamo bisogno”, qui e ora, direttamente a casa, senza l’incombenza di andarcelo a prendere. Diciamo che i “voglio” e i “devo” si possono soddisfare a breve così da risparmiare tempo per avere il nostro tempo, ma di tempo ne abbiamo sempre meno.

Siamo costantemente indaffarati e assorbiti da molte cose, a volte inutili. Oggi si parla di “stress” e di “ansia”, tipicamente cronici. Viviamo sempre  più la frenesia dei ritmi quotidiani che ci siamo imposti. Basta guardarci  attorno. Corriamo noi e corrono tutti tra casa, lavoro, spesa, uffici, bollette e impegni di famiglia…rincorrendo il quotidiano, gli obiettivi da raggiungere, le attività da fare.  Aggiungiamo pure gli impegni personali, istituzionali e volontari. Poi, ad una certa età, potremmo essere in più e, se non siamo completamente autonomi, rischiamo di essere parcheggiati oppure ospiti delle case di riposo.

Siamo in competizione con tutti e con tutto.  Togliamo tempo al sonno, anche se lui non sarebbe proprio d’accordo e, a suo tempo, ci potrebbe presentare un conto salato. Il Sonno nasce per guarirci e ridarci la vita ogni giorno…e noi lo abbiamo relegato alla stregua di un inespressivo gregario. Proprio lui…il filo rosso che ci ricongiunge alla salute. Lo abbiamo dimenticato, deriso e ignorato. Quale beffa per noi e per il nostro futuro.

Attori distratti in questo frenetico  scenario ci siamo dimenticati che non siamo stati progettati per questo stile di vita. Siamo nati nella natura e in simbiosi con la natura, che ci offre le risorse per vivere in armonia e salute.

Oggi il sonno va ripensato, riorganizzato, reinterpretato, poiché sono cambiati i tempi ma vanno rispettati i suoi tempi. Bisogna ridare al sonno tutto ciò di cui lo abbiamo privato. La società ci ha distratto, il mercato stesso nell’ottica di aumentare l’offerta commerciale ci ha portato fuori strada con abitudini, soluzioni, stili e materiali  innovativi che però non sono né a misura di ambiente né a misura d’uomo.

C’è poca cultura del sonno e dei suoi disturbi, poca percezione della qualità del nostro dormire. Ci siamo adattati. Spesso ci viene detto: “Io riposo bene”, ma, come è già successo, qualcuno più attento e più curioso ha potuto verificare che è tutto relativo e che imPrendiSonno ha qualcosa di diverso da dire e da offrire. Abbiamo perso il senso del dormire bene perché ci siamo adattati e assuefatti ad uno stile dettato dal mercato.

Bisogna fare un passo indietro. Riposare in un contesto che rispecchi le necessità biologiche e fisiche del nostro corpo ma soprattutto favorirne i processi rigenerativi e riparatori, aiutarlo a recuperare energia. Oggi queste azioni così naturali hanno bisogno di essere sostenute, promosse e protette. Ci sono troppi fattori che ostacolano e interferiscono con la qualità autentica e profonda del sonno. Siamo sottoposti a troppe sollecitazioni, troppi disturbi e disagi notturni.

ImPrediSonno protegge la qualità del tuo sonno, la tua salute e la tua vita in modo semplice, reale e coerente. Vedi le esperienze e i risultati!

Fabio Bordignon e Gabriella Bressan

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.